• Alan Crowhurst/Getty Images
    Alan Crowhurst/Getty Images
  • Alan Crowhurst/Getty Images
    Alan Crowhurst/Getty Images
  • Alan Crowhurst/Getty Images
    Alan Crowhurst/Getty Images
  • Alan Crowhurst/Getty Images
    Alan Crowhurst/Getty Images
  • Alan Crowhurst/Getty Images
    Alan Crowhurst/Getty Images
/

Quarantanove anni e non sentirli affatto, Lanfranco Dettori anzi si sente ancora un ragazzino e, per questo motivo, è riuscito a vincere per la settima volta in carriera le King George, prestigiosissimo appuntamento che si svolge ad Ascot.

Lanfranco Dettori
Alan Crowhurst/Getty Images

In sella alla regina Enable, il fantino italiano raggiunge a quota sette successi il leggendario Lester Piggott in testa alla classifica all-time. Gloria anche per il suo cavallo, che conquista il terzo successo dopo il 2017 e il 2019, centrando così un nuovo record. Un tris ottenuto sempre con Dettori in sella, a cui il fantino italiano aggiunge le vittorie nel 1995 con Lammtarra, nel 1998 con Swain, nel 1999 con Daylami e nel 2004 con Doyen.

Lanfranco Dettori
Alan Crowhurst/Getty Images

Niente da fare per gli avversari al cospetto di Enable e di Dettori, capaci di dominare la scena dall’inizio alla fine, precedendo Sovereign di cinque lunghezze e mezzo. L’obiettivo adesso si sposta sulla Francia, dove Enable proverà ad ottenere la terza vittoria dell’Arc de Triomphe, concludendo alla grande la sua scintillante carriera.