• AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/

Dopo il rinvio per i disordini in Catalogna, finalmente sono scese oggi in campo Barcellona e Real Madrid per sfidarsi nel “Clasico”. Al Camp Nou, blindatissimo, la sfida è terminata con un amaro 0-0, permettendo alle due squadre di rimanere ancora appaiate, a quota 36, in classifica.

Nonostante il match sia terminato a reti inviolate, la sfida ha regalato agli spettatori grande spettacolo, partendo dal calcio d’inizio di Marc Marquez e dal conseguente abbraccio con Leo Messi, continuando col gioco vero e proprio in campo. Due rigori non concessi hanno portato il Real a protestare, mentre il Barcellona si è acceso solo nell’ultimo quarto d’ora del primo tempo.

Al rientro in campo, una protesta, con dei palloncini lanciati in campo, ha costretto a fermare il gioco per circa un minuto, ma successivamente non sono mancate le belle giocate, con una rete annullata a Bale per fuorigioco.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE