/

Inserita all’interno del palinsesto di “Leonardo 500”, il calendario di eventi che celebrano l’Anniversario della sua scomparsa, l’opera d’arte voluta dal promotore culturale Tiziano Corbelli è stata allestita in via Fratelli Ruffini, la via che conduce al Cenacolo.

L’intenzione è quella di ricordare Leonardo attraverso ciò che di più profondo scrisse, una parte della sua grande opera meno conosciuta.

Il Pensiero Luminoso di Leonardo da Vinci è dedicato alle generazioni più giovani, incoraggiate a prendersi cura del proprio percorso esistenziale, attraverso una ricerca vitale e la consapevolezza delle esperienze, della formazione e dell’apprendimento.

Acquista cosa nella tua gioventù
che ristori il danno della tua vecchiezza.
E se tu intendi la vecchiezza aver per suo cibo la sapienza,
adoprati in tal modo in gioventù,
che a tal vecchiezza non manchi il nutrimento”.

Il pensiero Luminoso nasce per tornare a guardare verso l’alto, regalandoci delle personali riflessioni,  attraverso parole, frasi che ci  avvolgano sino a sentirle nostre.

L’opera è patrocinata dalla Galleria d’Arte Maggiore di Bologna, è stata realizzata da Antonio Spiezia, artigiano di Napoli,  e il  montaggio è avvenuto a cura del gruppo Seghieri. L’iniziativa è supportata dall’Imprenditore Emiliano Romagnolo Mario Zavatta del Consorzio Group Service che ha scelto di sostenere il progetto perché rispecchia gli ideali di creatività e genio, spirito del  suo consorzio.

L’idea nasce dal promotore culturale Tiziano Corbelli che ha già presentato e creato le opere luminarie di Lucio Dalla e Cesare Cremonini a Bologna, di Pino Daniele e Totò a Napoli, nell’intento di dare un contributo all’unità culturale e di intenti del nostro Paese.