• AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/

Ashleigh Barty vince le WTA Finals: la numero 1 al mondo batte la campionessa uscente Svitolina in due set nella finalissima di Shenzhen

Il circuito WTA ha una nuova Maestra. Ashleigh Barty, numero 1 al mondo, si aggiudica le WTA Finals 2019 al termine di una combattuta finale che la vedeva partire come sfavorita. Eh sì, perchè anche partendo da regina del ranking WTA il cemento delle Finals, nonostante lo spostamento di location da Singapore a Shenzhen, è terreno di caccia di Elina Svitolina, arrivata in finale sbaragliando ogni avversaria con 4 successi consecutivi (nei quali ha perso solo 1 set) che aumentano a 9 se si prende in considerazione la vittoria del torneo nel 2018.

Ashleigh Barty
AFP/LaPresse

Il regno di Svitolina è però terminato in 1 ora e 28 minuti di gioco. La tennista ucraina si è arresa con il punteggio di 6-4 / 6-3 confermando un anno avaro di titoli dopo le semifinali di Wimbledon e US Open. Dall’altra parte fa festa Ashleigh Barty. La campionessa in carica del Roland Garros è la prima n°1 al mondo a trionfare dopo 5 edizioni, nonchè la settima esordiente a vincere il Master di fine anno. Dopo la vittoria di Parigi ‘Ash‘ mette in mostra ancora una volta tutto il suo talento, ma il difficile arriva adesso: riconfermarsi, soprattutto nel circuito WTA, non è mai facile.