Caeleb Dressel e il mistero della bandana, un prezioso dono della prof che non c’è più

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • LaPresse

    LaPresse

  • LaPresse

    LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

/

Dai Mondiali di nuoto 2019 di Gwangju una storia da brividi: Caeleb Dressel e quello speciale legame affettivo con la bandana della sua ex insegnante che non c’è più

Dietro ai grandi campioni c’è sempre una grande storia, una di quelle che fa venire i brividi e per la quale è difficile trattenere le lacrime di commozione. Dai Mondiali di nuoto 2019, in corso a Gwangju, ne arriva una davvero commovente, che riguarda il campione americano Dressel. Il 22enne americano ha conquistato la medaglia d’oro nei 5o metri farfalla, conquistando la seconda vittoria iridata dopo quella nella staffetta 4×100 sl.

A balzare agli occhi, sia durante l’ingresso in piscina di Dressel, che durante la premiazione, è stata la bandana che il campione statunitense porta sempre con sè. Una bandana speciale, che permette al campione americano di portare sempre con sè una donna per lei altrettanto speciale, unica.

Una storia da brividi si nasconde dietro a quel semplice accessorio: la bandana dalla quale Dressel riesce a separarsi solo quando entra in acqua è stata donata al nuotatore americano dal marito di Clarie McCool, amica ed insegnante delle superiori di Caeleb, scomparsa a novembre del 2017 dopo una terribile lotta contro il cancro.

Claire è stata fonte di ispirazione per il 22enne nuotatore, che adesso vuole omaggiare la sua insegnante e amica portandola sempre con sè.

E’ il mio secondo anno con questa. Questa è una bandana che apparteneva ad una delle mie miglior amiche e insegnante delle Superiori, morta a causa del cancro circa 3 anni fa. E’ tutto quello che mi rimane di lei, è stata un modello di vita per me . La voglio con me sempre, la porto in tutte le mie gare. Lei è qui con me, la bandana significa molto per me“, ha raccontato ai microfoni Rai oggi dopo la premiazione dei 50 farfalla.

L’ho vista sul letto di morte, era ancora la donna più forte che abbia mai visto“, aveva raccontato dopo i Mondiali di Budapest.

Una storia strappalacrime e straziante, ma ricca di amore ed ammirazione.

Valuta questo articolo

Rating: 5.0/5. From 2 votes.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Rita Caridi (35200 Articles)
Nata a Reggio Calabria il 18 giugno 1990 ama tutti gli sport, con un focus particolare sui motori e la pallacanestro. Scrive su SportFair dal 2015


FotoGallery