I 100 anni della Maglia Gialla, l’omaggio a Eddy Merckx e la partenza da Bruxelles: benvenuti al Tour de France 2019

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

/

La Maglia Gialla compie 100 anni! Il Tour de France la celebra con una versione diversa presente in ogni tappa: omaggiati i luoghi simbolo della Grande Boucle e i protagonisti del passato. Domani la partenza da Bruxelles in onore del leggendario Eddy Merckx

I preparativi sono ormai ultimati, i dettagli dell’ultimo sono stati sistemati: è tutto pronto per l’inizio del Tour de France 2019! La prestigiosa corsa francese prenderà il via nella giornata di domani con partenza da Bruxelles per celebrare uno dei grandi protagonisti della Grande Boucle, Eddy Merckx. Il ciclista belga ha indossato la leggendaria maglia gialla per 111 volte e ad oggi resta colui che l’ha vestita più di ogni altro al mondo.

AFP/LaPresse

La prestigiosa maglia che si lega a doppio filo alla storia del ciclismo, in quanto assegnata al leader della classifica generale e dunque al futuro vincitore, compie 100 anni da quando, nel 1919, Eugene Cristophe fu il primo ad indossarla. Per l’occasione, gli organizzatori del Tour in collaborazione con Le Coq Sportif, hanno deciso di creare una ‘Maillot Jaune‘ diversa per ogni tappa. Tali divise avranno delle peculiarità particolari grazie alle quali verranno celebrati i luoghi simbolo della corsa (sulla prima ci sarà l’Atomium di Bruxelles, sull’ultima l’Arco di Trionfo) e i grandi campioni che hanno fatto la storia del Tour come Eddy Merckx, Jacques Anquetil e Miguel Indurain.

AFP/LaPresse

Domani la partenza da Bruxelles, per la seconda volta dopo il 1958, celebrerà i 50 anni dalla vittoria di Eddy Merckx nel Tour del 1969, il primo dei 5 conquistati in carriera. Niente prologo o prova a cronometro, ma una vera e propria tappa in linea con partenza ed arrivo a Bruxelles, nella quale i ciclisti dovranno affrontare un tracciato nervoso e ben articolato. Sarà presente il celebre Muro di Grammont, caratteristico del ‘Giro delle Fiandre’, si passerà da Meensel-Kiezegem, luogo di nascita di Merckx e da Woluwe-Saint-Pierre, luogo delle sue prime pedalate. Ovviamente ci sarà spazio anche per il pavè nei pressi di Charleroi. Una partenza coi fiocchi dunque, in grado di mixare tradizione e innovazione, sport e storia: benvenuti al Tour de France 2019!

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Mirko Spadaro (16933 Articles)
Nato a Reggio Calabria il 9 agosto 1993 è un esperto di basket e calcio, ama tutti gli sport a 360 gradi. Scrive su SportFair dal 2016


FotoGallery