Nuoto di fondo – Che legnata per Simone Ruffini: 10 km sanguinosa ad Eilat

/

Simone Ruffini in un bagno di sangue dopo la 10 km di Eilat: il campione di nuoto di fondo comunque sorridente e pronto a tornare in acqua

Il nuoto di fondo, a volte può essere più ‘violento’ e duro di un incontro di boxe. Tanti sono i colpi sott’acqua che gli atleti si danno durante le loro gare, che dalle riprese della televisione è impossibile notare. A volte, i nuotatori ne escono con lividi e acciacchi, altre volte invece il danno è più evidente. Ne sa qualcosa Simone Ruffini, campione del mondo dei 25km a Kazan 2015, che in una gara a Eilat, in Israele, ne è uscito col viso completamente sanguinante. Al termine della 10km di Eilat, Simone Ruffini ha pubblicato sui social una foto che lo ritrae in una maschera di sangue, ma sorridente. “Sangue e Gloria. Oggi abbiamo lavorato sul sangue,sarà ora di impegnarsi per la gloria!!!“, ha scritto su Instagram.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Rita Caridi (34602 Articles)
Nata a Reggio Calabria il 18 giugno 1990 ama tutti gli sport, con un focus particolare sui motori e la pallacanestro. Scrive su SportFair dal 2015


FotoGallery