• Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
  • Raffaele Marone
    Raffaele Marone
/

D1 Milano, brand italiano di orologi premium è orgoglioso di svelare la nuova campagna mondiale “Wear Your Attitude”

Il brand, guidato dal giovane CEO Dario Spallone, ha scelto per il 2019 di rappresentare al meglio talento e “attitude”, due delle caratteristiche che incarnano i pilastri di D1 Milano.

Scattata dal fotografo Raffaele Marone tra Los Angeles, Miami e Salt Lake City, la campagna vede come protagonisti tre sportivi scelti con il supporto della next-gen sport agency Sport Dots: il noto tennista Andreas Seppi, il cestista dei Los Angeles Clippers Danilo Gallinari e la campionessa olimpionica di snowboard Silje Norendal.
Tre campioni che condividono insieme a D1 Milano un percorso professionale basato su perseveranza, duro lavoro, creatività e stile. Ognuno di loro si distingue dalla massa grazie al proprio talento e alla propria visione, diventando unici e indossando la loro “attitude”.

Al polso dei tre atleti viene svelata la nuova collezione di D1 Milano, creata con materiali innovativi per un design italiano ispirato alle linee chiare e alla bellezza estetica degli anni ’70 che racchiude al suo interno diverse proposte maschili e femminili, continuative, stagionali e in limited edition.

D1 Milano, attraverso la campagna “Wear Your Attitude” rafforza il suo legame con lo sport, associandosi ad un mondo che per definizione considera tenacia, dedizione e perseveranza come principi fondamentali per il successo e la realizzazione personale.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE