• Gian Mattia D'Alberto/LaPresse
    Gian Mattia D'Alberto/LaPresse
  • Gian Mattia D'Alberto/LaPresse
    Gian Mattia D'Alberto/LaPresse
  • Gian Mattia D'Alberto/LaPresse
    Gian Mattia D'Alberto/LaPresse
  • Gian Mattia D'Alberto/LaPresse
    Gian Mattia D'Alberto/LaPresse
  • Fabio Ferrari/LaPresse
FABIOFERRARI
    Fabio Ferrari/LaPresse FABIOFERRARI
  • Fabio Ferrari/LaPresse
FABIOFERRARI
    Fabio Ferrari/LaPresse FABIOFERRARI
  • Gian Mattia D'Alberto/LaPresse
    Gian Mattia D'Alberto/LaPresse
  • Fabio Ferrari/LaPresse
    Fabio Ferrari/LaPresse
  • Fabio Ferrari/LaPresse
    Fabio Ferrari/LaPresse
  • Fabio Ferrari/LaPresse
    Fabio Ferrari/LaPresse
  • Fabio Ferrari/LaPresse
    Fabio Ferrari/LaPresse
  • Fabio Ferrari/LaPresse
    Fabio Ferrari/LaPresse
/

La quarta tappa della Tirreno-Adriatico 2019 nel segno di Aleksej Lucenko, il ciclista del team Astana arriva in volata al traguardo di Fossombrone

Dopo la vittoria di Elia Viviani sul traguardo della terza tappa della 54ª edizione della Tirreno-Adriatico, a trionfare nella quarta frazione è Aleksej Lucenko. Il corridore kazako del team Astana ha beffato in volata Primoz Roglic, Adam Yates e Fuglsang Jakob, dopo una lunghissima tappa di 221 chilometri, con partenza da Foligno ed arrivo a Fossombrone. Primo tra gli italiani all’arrivo Davide Formolo della Bora-Hansgrohe. In classifica generale non cambia il leader della corsa. Adam Yates si conferma detentore della maglia azzurra, a 7” da Roglic ed a 50” da Dumoulin.

Questo slideshow richiede JavaScript.