• Massimo Paolone/LaPresse
    Massimo Paolone/LaPresse
  • Massimo Paolone/LaPresse
    Massimo Paolone/LaPresse
  • Massimo Paolone/LaPresse
    Massimo Paolone/LaPresse
  • Massimo Paolone/LaPresse
    Massimo Paolone/LaPresse
  • Massimo Paolone/LaPresse
    Massimo Paolone/LaPresse
  • Massimo Paolone/LaPresse
    Massimo Paolone/LaPresse
  • Bologna: 34 milioni di euro lordi all'anno - Massimo Paolone/LaPresse
    Bologna: 34 milioni di euro lordi all'anno - Massimo Paolone/LaPresse
  • Massimo Paolone/LaPresse
    Massimo Paolone/LaPresse
/

Raja Nainggolan ha sbloccato la gara tra Bologna ed Inter, gara chiusa poi nel finale dalle reti di Candreva e Perisic

L’Inter vince ma non convince ancora, prima ora di gioco troppo blanda. In casa del Bologna di Pippo Inzaghi, i nerazzurri l’hanno spuntata grazie ad un guizzo di Raja Nainggolan a metà secondo tempo, seguito dalle reti di Candreva e Perisic, ma il gioco interista ancora latita. Per Spalletti ci sarà molto da lavorare, per costruire una squadra che sappia tessere trame pericolose in fase di possesso palla. Anche oggi la manovra è stata lenta e compassata, l’assenza di Icardi è infatti passata in secondo piano, avrebbe toccato pochissimi palloni in area di rigore il bomber argentino. Come detto, ci ha pensato Nainggolan a togliere le castagne dal fuoco, il calciatore più atteso della gara e forse dell’intera stagione nerazzurra. La gara di Raja è stata di buon livello, anche se la condizione non è chiaramente quella migliore. La posizione ibrida di Nainggolan, a fluttuare tra mediana ed attacco, potrebbe essere decisamente l’arma in più della squadra di Spalletti, come dimostrato quest’oggi a più riprese. Insomma, non tanti spunti per i quali sorridere per Spalletti, almeno fino al gol del belga, una delle note liete odierne assieme al “ritorno” di Candreva.