• LaPresse/Nicolò Campo
    LaPresse/Nicolò Campo
  • LaPresse/Nicolò Campo
    LaPresse/Nicolò Campo
  • LaPresse/Nicolò Campo
    LaPresse/Nicolò Campo
  • LaPresse/Nicolò Campo
    LaPresse/Nicolò Campo
  • LaPresse/Nicolò Campo
    LaPresse/Nicolò Campo
  • LaPresse/Nicolò Campo
    LaPresse/Nicolò Campo
/

Daisy Osakue è stata la sfortunata protagonista di un’aggressione razzista in quel di Torino, l’italiana ha postato le sue foto ricevendo scuse e solidarietà

“Ecco come mi hanno ridotto i miei aggressori. Nonostante questo penso che l’Italia sia un paese bellissimo ma sta prendendo piede una brutta “malattia” ovvero il razzismo. Grazie a tutti i messaggi di supporto e di amore che sto ricevendo in queste ore!” Daisy Osakue, Nazionale italiana di lancio del disco, ha spiegato così sui social il pessimo episodio di razzismo del quale è stata vittima stamane. A corredo del suo post i commenti sono stati numerosi, alcuni davvero beceri ed assurdi, altri invece molto significativi. Una parte del popolo italiano si scusa con Daisy per quanto accaduto, pur non avendo colpe. Siamo arrivati a livelli di razzismo che lasciano basiti in quest’epoca nella quale l’integrazione dovrebbe essere la normalità. “Scusaci Daisy”, anche noi ci uniamo al coro scandalizzato per quanto ti è accaduto. Daisy ha deciso di non darsi per vinta, di denunciare e di volare agli Europei nonostante i problemi all’occhio per portare in alto il nome dell’Italia. Intanto il ministro Di Maio fa finta che vada tutto per il meglio: “Non c’è allarme razzismo in Italia, solo strumentalizzazioni”. Di seguito il post con i commenti alla povera Osakue.

 

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE