Oscar 2018 – Guillermo del Toro sbanca: è “La forma dell’acqua” il miglior film, ma c’è anche un po’ d’Italia a Los Angeles

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

  • AFP/LaPresse

    AFP/LaPresse

/

La notte degli Oscar 2018 va in scena (quest’anno senza errori grossolani) a Los Angeles: ecco tutti i vincitori delle statuette del cinema tanto ambite

La “notte delle statuette” è andata in scena al Dolby Theatre di Los Angeles. Presentati da Jimmy Kimmel gli Oscar 2018 hanno dato il loro solito spettacolo in cui hanno presieduto le star del cinema maggiormente in voga in questo momento. Il film protagonista della serata è stato con quattro premi vinti, tra cui quello di miglior film (considerato il più prestigioso), ‘La Forma dell’Acqua’ di Guillermo del Toro. La pellicola ha avuto successo anche nelle categorie miglior regia, miglior scenografia e miglior colonna sonora. Grande successo anche per Gary Oldman, vincitore dell’Oscar per miglior attore protagonista grazie al ruolo ricoperto in “L’ora più buia“; vincitrice del premio miglior attrice protagonista è stata Frances McDormand, che ha preso parte al film “Tre manifesti a Ebbing, Missouri“. Un po’ d’Italia anche nella notte degli Oscar 2018 James Ivory vince infatti la statuetta per la migliore sceneggiatura non originale, lo sceneggiatore ha collaborato con il regista italiano Luca Guadagnino nel film “Chiamami col tuo nome”. Ecco la lista di tutte le nomination con i corrispettivi vincitori:

  • Miglior cortometraggio d’animazione: Kobe Bryant in “Dear Basketball”;
  • Miglior documentario: ‘Icarus’;
  • Miglior attore non protagonista: Sam Rockwell in “Tre manifesti a Ebbing, Missouri”;
  • Miglior trucco e acconciature: Lucy Sibbick, Kazuhiro Tsuji e David Malinowski in “L’ora più buia”;
  • Migliori costumi:Mark Bridges in “Il filo nascosto”;
  • Miglior montaggio sonoro (sound editing):Richard King e Alex Gibso in “Dunkirk”;
  • Miglior sonoro (sound mixing): Gary A. Rizzo, Gregg Landaker e Mark Weingarten in “Dunkirk”;
  • Miglior attrice non protagonista: Allison Janney in “Io, Tonya”;
  • Miglior film straniero: “A Fantastic Woman”;
  • Miglior film d’animazione: “Coco”;
  • Miglior montaggio: “Dunkirk”;
  • Miglior effetti speciali: Richard R. Hoover, Gerd Nefzer, Paul Lambert e John Nelson in “Blade Runner 2049”;
  • Miglior cortometraggio documentario: “Heaven Is a Traffic Jam on the 405”;
  • Miglior cortometraggio: “The Silent Child”;
  • Miglior sceneggiatura originale: Jordan Peele in “Get Out”;
  • Miglior fotografia: Roger A. Deakins in “Blade Runner 2049”;
  • Miglior canzone: “Remember Me” di Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez in “Coco”.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE
About Giulia Galletta (13420 Articles)
Nata il 21 giugno 1988 a Palmi, provincia di Reggio Calabria
Contact: Website


FotoGallery