• AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/

Il quartetto azzurro batte la Germania e conquista la medaglia di bronzo nell’inseguimento, corsa valida per i mondiali di ciclismo su pista di Apeldoorn

Il quartetto azzurro ha conquistato la medaglia di bronzo nell’inseguimento contro la Germania, corsa valida per i mondiali di ciclismo su pista di Apeldoorn. La formazione formata da Consonni, Bertazzo, Ganna e Lamon ha realizzato una prestazione stupenda per l’intera corsa scandendo un ritmo elevato. I ragazzi guidati dal CT Villa ha mantenuto alta la concentrazione impedendo alla Germania di recuperare lo svantaggio. Il quartetto italiano ha realizzato il tempo di 3’54?606, record azzurro per questa disciplina. Per la Germania una gara da dimenticare sotto ogni aspetto: sin dalla partenza i ragazzi non sono riusciti a tenere testa al quartetto azzurro arrivando con un distacco di quasi 2 secondi. L’altra finale per la medaglia d’oro, la Gran Bretagna ha battuto la Danimarca con un distacco di 1’800.