• AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • PA/LaPresse
    PA/LaPresse
  • PA/LaPresse
    PA/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/

Un sosia del leader nordcoreano Kim Jong Un si è presentato alla partita della nazionale unificata di hockey delle due Coree, venendo poi cacciato dal palazzetto

AFP/LaPresse

Attimi di tensione durante la partita della nazionale unificata di hockey delle due Coree contro il Giappone, costata alla Nazionale di casa l’eliminazione dal torneo olimpico di PyeongChang 2018. Durante la gara, un sosia del leader nordcoreano Kim Jong Un è apparso sulle tribune del palazzetto, sfilando sorridente davanti ad un gruppo di cheerleaders prima di prendere posto vicino ad un altro spettatore. In poco tempo, intorno all’uomo si è creata una piccola folla che ha spinto la polizia ad intervenire per allontanare il sosia in questione. Nonostante la situazione fosse alquanto sotto controllo, le forze dell’ordine hanno impedito al sosia del leader nordcoreano di tornare all’interno del palazzetto.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE