• AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • RABIOT - AFP/LaPresse
    RABIOT - AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
  • AFP/LaPresse
    AFP/LaPresse
/

Il Real Madrid batte il PSG grazie alla doppietta di Cristiano Ronaldo e di Marcelo. Gol dei francesi di Rabiot. Vanificato il vantaggio del Psg realizzato da Rabiot

AFP/LaPresse

L’urna di Nyon ha regalato un ottavo di finale stellare, ovvero Real Madrid-PSG. L’andata, valida per l’accesso ai quarti di finale, è terminata 3-1 in favore dei ‘Blancos’ grazie alla doppietta di Cristiano Ronaldo (1 su rigore) e di Marcelo, mentre per i francesi la rete è stata messa a segno da Rabiot. Il primo tempo del match è stato scoppiettante con delle opportunità da ambo le parti. Ad andare in vantaggio è stato il PSG con Rabiot, che con grande intelligenza tattica è riuscito a trafiggere Navas. Ma la forza del Real Madrid (soprattutto quando si tratta di partite importanti come questa) ha prevalso: a fine primo tempo Rocchi ha decretato un rigore in favore dei madridisti, e Cristiano Ronaldo non ha sbagliato.

AFP/LaPresse

La ripresa della partita è stata solo di marca ‘Blancos’ grazie alle folate dalle fasce e dagli aggiustamenti tattici di Zinedine Zidane. Verso la fine della partita si riaccende il pallone d’oro in carica Christiano Ronaldo che ha realizzato la rete del vantaggio sfruttando l’assist perfetto di Asensio. Dopo nemmeno tre minuti Marcelo ha realizzato il terzo gol mandando il Santiago Bernabeu in festa. Una vittoria importante questa per Zidane che ancora una volta si dimostra freddo nelle partite da dentro o fuori. Il francese è in piena filosofia madridista quando si accendono le luci della Champions League. Questo tipo di palcoscenico ha sempre esaltato Cristiano Ronaldo e compagni: non per questo è da due anni che il Real Madrid alza la ‘Coppa delle grandi Orecchie’. Il PSG ci ha provato, ma Neymar ha fallito la prova generale. La stella dei parigini non ha brillato e anzi è sembrato un lontano parente del giocatore che i tifosi ammirano nel campionato francese. Probabilmente questo tipo di palcoscenico non è congeniale alle abilità del brasiliano, oppure lo spirito che aleggia in ogni partita di Champions League del Santiago Bernabeu lo ha ‘terrorizzato’. Una cosa è certa: al Parco dei Principi il Real Madrid avrà due risultati su tre, mentre il PSG dovrà necessariamente vincere con due gol di scarto. Impresa non impossibile, ma quasi.

Nell’altra partita il Liverpool ha demolito il Porto mettendo in cassaforte il passaggio ai quarti di finale. Sadio Mane ha realizzato una bellissima tripletta, mentre Salah e Firmino hanno reso possibile la goleada in Portogallo.