• LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/ Fabio Ferrari
    LaPresse/ Fabio Ferrari
  • LaPresse/ Fabio Ferrari
    LaPresse/ Fabio Ferrari
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • Ph: ANSA/CLAUDIO PERI
    Ph: ANSA/CLAUDIO PERI
  • Foto LaPresse - Belen Sivori
    Foto LaPresse - Belen Sivori
/

La quattordicesima tappa della Vuelta di Spagna sarà mostruosa a causa delle montagne in successione. Ecco i favoriti per la frazione odierna

La tappa quattordicesima tappa della Vuelta di Spagna partirà da Écija e arriverà appunto ai 1.830 metri di Sierra de La Pandera dopo 175 chilometri e tante salite. Alcune sono classificate come Gran Premi della Montagna minori, altre no ma in tutto ci sono oltre 3.000 metri di dislivello. La salita finale è lunga 12km con una pendenza media del 7,3% e punte del 13%, subito prima ci sarà il Puerto Locubin, altri 8,5km con una pendenza media del 4,8%. Negli ultimi 30 chilometri, ce ne sono oltre 20 in salita.

I Favorti

Il favorito della tappa di oggi è Alberto Contador. Il ciclista della Trek Segafredo ha una forma fisica smagliante e soprattutto tenacia e scaltrezza. Oggi è un terreno adatto alle abilità dello spagnolo. Occhio anche a Ilnur Zakarin della Katusha Alpecin in cerca di gloria e anche a Stefan Kruijswijk della LottoNL Jumbo. Importante sarà però capire le intenzioni di Chris Froome: il ciclista può attaccare o restare fermo sulle salite.

Outsider

Vincenzo Nibali della Bahrain Merida, Fabio Aru dell’Astana e Esteban Chaves della Orica Scott.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE