Vuelta di Spagna, Rohan Dennis agguerrito: “posso battere gli uomini di classifica perché sono…”

  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
/

Rohan Dennis, dopo il trionfo nella prima tappa della Vuelta di Spagna, vuole continuare a vincere in questa edizione della corsa iberica e lancia la sfida agli uomini di classifica

LaPresse/EFE

Rohan Dennis vince la prima tappa della Vuelta di Spagna. Il corridore della BMC ha dimostrato nella cronometro di Nimes di essere il più forte in questa tipologia di corsa. La squadra americana ha vinto parecchie cronometro a squadre in questa stagione e anche alla Vuelta di Spagna gli uomini in rosso non hanno sbagliato. I corridori della Quick Step Floors hanno provato a vincere la tappa, ma già dal primo intermedio il distacco dalla BMC era evidente. Grazie a questa vittoria, Rohan Dennis è il leader di classifica della Vuelta di Spagna. 

Lunedì si arriva ad Andorra, paese dove vive quando rimane in Europa. Il ciclista della BMC ha intenzione di vincere terza tappa e ha svelato quali sono le possibili insidie: lunedì si arriva ad Andorra e io quando sono in Europa abito lì. Questo credo possa essere un vantaggio – ha dichiarato Rohan Dennis come riportato da La Gazzetta dello Sport -. La Rabassa e la Comella non sono salite impossibili per me e se arrivo con gli uomini di classifica, li posso battere perché sono più veloce di loro. Intanto ora c’è da affrontare una tappa che non sarà per niente facile. Il vento laterale rende più emozionante la corsa per gli spettatori ma per noi aumentano moltissimo i pericoli”.

L’ambiente della BMC torna sereno dopo il caso Samuel Sanchez, trovato positivo ad un ormone. Rohan Dennis ha commentato la vicenda: “sono rimasto scioccato: l’ho saputo solo al termine dell’allenamento in cui non avevo visto Samuel. Però è solo l’esame del campione A – ha proseguito -. Per il bene di tutti e del ciclismo spero che le controanalisi diano un risultato diverso“. Infine l’australiano ha parlato della strage di Barcellona: “meglio non pensarci, bisogna solo sperare che non capiti più. L’unica cosa che mi sento di esprimere è il mio dolore per le vittime, ha concluso.