• LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/MAXPPP
    LaPresse/MAXPPP
  • LaPresse/Massimo Paolone
    LaPresse/Massimo Paolone
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/Belen Sivori
    LaPresse/Belen Sivori
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/EFE
    LaPresse/EFE
  • LaPresse/Gian Mattia D'Alberto
    LaPresse/Gian Mattia D'Alberto
  • Gian Mattia D'Alberto /LaPresse
    Gian Mattia D'Alberto /LaPresse
/

La decima tappa della Vuelta di Spagna potrebbe racchiudere delle insidie per i big. Ecco i favoriti per la frazione odierna

La decima tappa della Vuelta di Spagna sarà una trappola per i corridori. Il percorso che parte da Caravaca e termina a El Pozo sarà di 164,8 chilometri potrebbe racchiudere delle insidie nel finale. La prima parte di tappa è pianeggiante e ideale per una fuga di coloro che vogliono mettersi in mostra, mentre la seconda presenta la salita sull’Alto del Morron de Totana (5.7 chilometri con pendenze del 5.7%) e successivamente quella del Collado Bermejo (7.7 chilometri con pendenze del 6.5%). Qui ci saranno degli attacchi dei passisti per la conquista della tappa oppure un possibile aggressione alla maglia rossa di Chris Froome.

I favoriti

Jan Polanc della Uae Team Emirates potrebbe dire la sua sull’ultima salita. Lo sloveno è andato vicino alla vittoria nella sesta tappa della Vuelta di Spagna e oggi il terreno sembra ideale per le sue caratteristiche. Occhio anche a Julien Alaphilippe della Quick Step Floors già vincitore dell’ottava tappa della corsa spagnola e voglioso di ripetersi. Luis Leon Sanchez dell’Astana potrebbe essere il jolly della tappa odierna.

Outsider

Alberto Contador della Trek Segafredo, Tejay Van Garderen della BMC, Wiko Kelderman della Sunweb.