• LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
  • LaPresse/Reuters
    LaPresse/Reuters
/

Mayweather vs McGregor, si chiude l’ultima conferenza stampa! A Las Vegas è la fiera del trash talking e della spavalderia: Conor provoca Floyd che gli fa abbassare la cresta

Mayweather vs McGregor: si chiude l’ultima conferenza stampa – Posa plastica per la foto di rito, Floyd concentrato e tranquillo, impassibile; Conor ribollente di adrenalina che gli mastica una chewingum quasi in faccia e riesce a restare fermo (alla Bruce Lee) per pochi secondi. Qualche parolina sussurrata a dentri stretti all’orecchio l’uno dell’altra, tutt’altro che complimenti fra galantuomini. È questa l’immagine finale dell’ultima conferenza stampa del match del secolo, il tanto atteso incontro di pugilato che nella notte italiana del 26 agosto vedrà di fronte Mayweather e McGregor.

Mayweather vs McGregor: si chiude l’ultima conferenza stampa – Toni più pacati riespetto ai precendenti incontri con i media, ma le schermaglie verbali non sono di certo mancate. Con tutta l’arroganza che ha in corpo, McGregor ha continuato sulla sua falsariga: “fotterò questo ragazzo. Quest’uomo non è al mio livello, vale un quarto“, ha detto sprezzante l’irlandese. Mayweather ha continuato ad abbassare i toni, come fatto da quando è arrivato in quel di Los Angeles: “guarda Conor che non sarà facile come pensi. Nessuno possiede la mia intelligenza e la mia pazienza. E poi quando sei fuori dal ring puoi dire quello che vuoi, ma quando ci sei dentro è un’altra cosa, te lo garantisco“. Nonostante la tracotanza di Conor, è ancora una volta Floyd ad avere l’ultima parola, se non altro per aver citato una legge non scritta di qualsiasi sport: alla fine dei conti, sarà il ring ad emettere il verdetto finale.