/

L’Unione Europea vuole rendere obbligatori entro il 2020 una serie di dispositivi elettronici come il sistema anti tamponamento e il cruise control adattivo capaci di dimezzare le vittime della strada

Sfruttare le ultime e più sofisticate tecnologie per salvare milioni di vite umane dagli incidenti stradali: è questo l’ambizioso obiettivo che si è posto l’Unione Europea entro il 2020. Il piano dell’UE sta vedendo l’impegno  di El?bieta Bie?kowska ,  commissario europeo all’Industria,  e dei ministri dei trasporti di Austria, Belgio, Francia, Germania, Italia, Lussemburgo e Olanda, i quali si sono impegnati ufficialmente ad rendere obbligatori sulle automobili del prossimo futuro nuovi standard di sicurezza stradale.

I dati che vengono dal Vecchio Continente sono tanto impressionanti, quanto preoccupanti: 26.000 morti ogni anno sulle strade di tutta Europa, a cui bisogna aggiungere gli oltre 135mila feriti con infortuni permanenti.

 Per migliorare questa preoccupante situazione, bisogna urgentemente aggiornare leggi ormai obsolete, perché ferme al 2009, periodo in cui ancora non esistevano tutti i dispositivi di sicurezza attivi e passivi che esistono oggi. E’ vero che molti di questi dispositivi sono ancora molto costosi e risultano disponibili come optional solo su automobili di un certo livello, ma ce ne sono altri – come ad esempio il sistema anti tamponamento – capaci di salvare la vita, ma che ancora non sono stati resi obbligatori per leggi, nonostante il costo si aggiri in media sui 300 euro.frenata automatica (4)

Oltre al sistema anti tamponamento, un altro importante dispositivo che verrà reso obbligatorio entro il 2020 sarà il cruise control adattivo che funzionerà in tandem con il sistema anti collisione già citato e con il riconoscimento della segnaletica verticale (limiti di velocità).