Ad Euro 2016 l’invasione di campo più bella [FOTO]

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

  • LaPresse/Reuters

    LaPresse/Reuters

/

No. Le invasioni di campo non sono tutti uguali. E quella del tifoso croato che ha scavalcato per andare ad abbracciare i suoi idoli dopo il gol-vittoria di Luka Modric in Turchia-Croazia è stata un’invasione di campo sana, bella, pulita. Nessun intento violento, nessuna voglia di esibizionismo. Soltanto un’irrefrenabile passione che porta a sfogare l’adrenalina con un gesto proibito, ma innocuo. Dopo il gol, Modric e i suoi compagni hanno festeggiato insieme al tifoso che li ha raggiunti sfrecciando sull’erba con le ginocchia, proprio come avevano appena fatto i calciatori verso l’angolo di campo con la bandierina. E i calciatori l’hanno abbracciato, hanno esultato con lui, come se fosse un loro compagno. “Esultare con la mia gente è la cosa più bella che possa esistere” ha spiegato Modric nel post partita, intervistato sull’invasione del tifoso. “Abbiamo visto che non era pericoloso, che voleva solo festeggiare con noi, e l’abbiamo abbracciato perchè noi siamo la Croazia e lui è davvero uno di noi come tutti i nostri tifosi“. Parole stupende ancor più del gesto.

Modric, una partita straordinaria che ricorda il miglior Pirlo, grande uomo anche fuori dal campo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Valuta questo articolo

No votes yet.
Please wait...
INFORMAZIONI PUBBLICITARIE


FotoGallery