Ucraina: Tajani, ‘Sudafrica e Africa in generale daranno proprio contributo per la pace’

SportFair

Roma, 26 mag. (Adnkronos) – Il Vicepresidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, On. Antonio Tajani, ha avuto oggi un colloquio con il Ministro delle Relazioni Internazionali e Cooperazione del Sudafrica, Grace Naledi Mandisa Pandor. Lo ha comunicato la Farnesina in una nota. Il Vicepremier, nel congratularsi con il Ministro Pandor per la nomina a Inviato Speciale per la pace in Ucraina presso i Paesi G7, ha innanzitutto espresso l’apprezzamento del governo italiano per l’impegno del Sudafrica a favore dell’avvio di un percorso negoziale verso una pace giusta, complessiva e duratura in Ucraina, rispettosa della Carta Onu e delle prerogative sovrane di Kiev.
“L’Italia, in coordinamento con i partner Ue e Nato, è al fianco di tutti i Paesi impegnati a lavorare costruttivamente per questo obiettivo”, ha esordito Tajani. ‘E’ fondamentale favorire condizioni propizie per Kiev ed esercitare pressioni su Mosca. Solo così si potrà avviare un percorso di pace e ristabilire il primato del diritto internazionale. Crediamo che il Sudafrica, e l’Africa in generale, possa dare il proprio contributo ai nostri sforzi, veicolando a Mosca la necessità di porre fine immediatamente alle ostilità”.
I due Ministri hanno confermato anche la volontà di rafforzare il partenariato economico bilaterale. Il Sudafrica è il primo Paese destinatario delle esportazioni italiane nell’Africa sub-sahariana, dove operano con successo molti gruppi e PMI, soprattutto nei settori delle infrastrutture, energia, agro-industria e automotive. ‘La complementarietà tra i nostri due sistemi industriali”, ha sottolineato Tajani, ‘apre ampi spazi a collaborazioni e joint ventured tra le nostre imprese in molti settori”.

Condividi