Ucraina: nuove sanzioni a rappresentanti Chiesa ortodossa russa, c’è il nipote di Kirill

SportFair

Kiev, 24 gen. (Adnkronos) – è stato pubblicato l’elenco dei rappresentanti della Chiesa ortodossa russa, nei confronti dei quali sono state imposte sanzioni, con decisione del Consiglio di sicurezza e difesa nazionale ucraino. Il decreto è disponibile sul sito dell’Ufficio del Presidente e, tra gli altri sanzionati, sono presenti il nipote del Patriarca russo Kirill Mykhailo Gundyaev, rappresentante della Chiesa ortodossa russa nel Consiglio ecumenico delle Chiese a Ginevra, il capo del servizio stampa del Patriarca di Mosca e di tutte le Russie Volodymyr Legoida, Vakhtang Kipshidze, vice capo del Dipartimento sinodale per i rapporti Chiesa-Società e Mass Media, ilresponsabile dei rapporti tra la Chiesa ortodossa russa e la Guardia russa, membro del Sinodo, Roman Bogdasarov.
Le sanzioni prevedono il blocco dei beni personali, nonché dei beni che le persone sanzionate potrebbero utilizzare tramite terzi. Restrizioni sono state imposte contro Legoida e Kipshidze per cinque anni. Le sanzioni saranno in vigore per 30 anni contro sei persone sulla lista: il metropolita Hilarion di Budapest e Ungheria, l’arciprete Mykola Balashov, l’arcivescovo Pytyrim di Syktyvkar e Komi-Zyryansk (Pavla Volochkov), gli arcipreti Artemiy Volodymyrov e Andriy Tkachev e il professore di Accademia teologica di Mosca Oleksiy Osypov.
Legoida ha precedentemente definito le sanzioni contro le figure religiose “sciocchezze” e “rifiuto del buon senso”, sottolineando la necessità di mantenere canali di comunicazione.