Scrittori: Vargas Llosa invita Juan Carlos a sua cerimonia insediamento Académie Française

SportFair

Madrid, 25 gen. – (Adnkronos) – Lo scrittore peruviano naturalizzato spagnolo Mario Vargas Llosa, 86 anni, Premio Nobel della Letteratura 2010, tra due settimane sarà proclamato ufficialmente ‘Immortale di Francia”. Eletto all’Académie Française il 25 novembre 2021, Vargas Llosa farà il suo ingresso sotto la Cupola del tempio laico di Parigi il 9 febbraio: andrà ad occupare lo scranno numero 18, in passato assegnato ad Alexis de Tocqueville, Jean-Baptiste-Henri Lacordaire, Ferdinand Foch, Philippe Pétain, Edgar Faure e da ultimo dallo scrittore e filosofo Michel Serres, morto nel 2019 all’età di 88 anni, di cui sarà il successore.
Il re Juan Carlos I è tra gli invitati alla cerimonia di insediamento di Vargas Llosa. Lo scrittore ha spiegato al quotidiano “El País” di aver esteso l’invito al monarca spagnolo, che vive ad Abu Dhabi da quando ha lasciato la Spagna nell’estate del 2020 per evitare che gli scandali danneggiassero la Corona. Il re emerito ha ricevuto l’invito e ha informato il Nobel della sua intenzione di recarsi a Parigi.
L’autore dei romanzi “La città e i cani” e “La zia Julia e lo scribacchino” non ha mai pubblicato libri in francese anche se lo parla fluentemente. Era emigrato a Parigi nel 1959 e da tempo ormai vive a Madrid.
La nazionalità francese non è più richiesta per sedere tra gli ‘Immortali’: l’americano Julien Green, ammesso all’Académie française nel 1971, fu il primo membro straniero. Ne fanno parte oggi lo scrittore haitiano Dany Laferrière, eletto nel 2015, e lo storico e scrittore italiano Maurizio Serra, eletto nel 2020.