Riforme: Calenda, ‘siamo per premierato ed una sola Camera, il Senato’

SportFair

Roma, 19 gen. (Adnkronos) – “Abbiamo presentato la nostra posizione che è nettissima”: “Siamo favorevoli a un premierato cioè a un presidente del Consiglio con poteri più forti, anche eletto direttamente con una legge elettorale che può essere a due turni, come quella dei sindaci o anche proporzionale, con un premier di coalizione”. Così il leader di Azione Carlo Calenda risponde ai giornalisti sull’esito dell’incontro con il ministro delle Riforme Maria Elisabetta Alberti Casellati ed aggiunge: “Ma soprattutto abbiamo rappresentato che a nostro avviso va fatta di pari passo la discussione sul Parlamento e quindi sul monocameralismo: Ci sia e rimanga in Italia solo il Senato che non si può abolire perché dall’epoca dei romani si chiama così”.
“Nessuno parla del Parlamento – osserva Calenda – che secondo me è rilevantissimo, perché con la riduzione dei parlamentari il funzionamento delle due camere in un sistema bicamerale perfetto non funziona. La nostra proposta è: teniamo lo stesso numero di parlamentari ed una sola camera, il Senato”. Ma “non si può discutere di presidenzialismo e poi avere Calderoli che va avanti con l’Autonomia e poi parlare di legge elettorale. Diventa un macello, che provoca uno stato ingovernabile, ingestibile”.