Regeni: Della Vedova, ‘si ricorra a convenzione contro tortura’

SportFair

Roma, 25 gen. (Adnkronos) – ‘Oggi, a sette anni dal sequestro di Giulio, sfociato in un orribile omicidio, il mio pensiero va alla famiglia Regeni. Da Sottosegretario agli Esteri, avevo proposto di ricorrere alla Convenzione contro la tortura. Anche nel caso – su cui resto scettico pur pronto a ricredermi, visto il comportamento tenuto fino ad ora – in cui la Procura del Cairo cominciasse a collaborare seriamente, come ventilato dal Ministro Tajani oggi alla Camera, è difficile pensare di giudicare nel nostro Paese i quattro indagati egiziani in assenza di un Trattato bilaterale di estradizione tra Italia e Egitto”. Così il segretario di Più Europa Benedetto Della Vedova.
‘Solo la Convenzione, di cui i due paesi sono Stati Parte, ne offre la base giuridica con il chiaro e preciso art. 8, comma 2. Rimettersi a giudici terzi salvaguarderebbe anche i rapporti tra i nostri due Paesi: agire in questa direzione conviene a tutti, a mio avviso, anche all’Egitto”, conclude Della Vedova.