Pd: Provenzano, ‘buon lavoro su Manifesto, nessuno voleva fare cancel culture’

SportFair

Roma, 21 gen. (Adnkronos) – “Io credo che con questo congresso dobbiamo conoscere noi stessi e i nostri avversari e credo che il Manifesto possa portarci a conoscere meglio noi stessi. I tentativi di delegittimazione che sono stati fatti di questo percorso, sono stati un errore. Io penso che sia stato fatto un buon lavoro, che deve continuare e che ci consenta finalmente di affrontare questo nodo dell’identità che non è astratto”. Così Peppe Provenzano all’assemblea del Pd.
“Ho visto tante polemiche sulle correnti ma non no ho viste nascere tante come in questo congresso…”. E tornando sul Manifesto, osserva: “Sono state richiamate figure come Reichlin e Scoppola”, tra gli autori del Manifesto fondativo del Pd, “che mai avrebbero accettato interpretazioni coraniche dei nostri documenti e che sono sempre stati attenti ai cambiamenti. Nessuno di noi voleva fare cancel culture ma un documento in sintonia con le sfide che di attendono Ora abbiamo il dover di far avanzare concretamente i principi che sono contenuti nel Manifesto”.