Monza: alcool a minori, furto di energia e lavoro ‘in nero’, sospesa attività bar del centro

SportFair

Milano, 20 gen. (Adnkronos) – Il gestore serviva alcoolici a clienti minorenni e quando gli agenti di polizia intervenuti per un controllo glielo hanno contestato, ha risposto loro insultandoli. Nei giorni successivi, inoltre, è emerso che il locale aveva rubato energia elettrica e tra i dipendenti ce n’erano alcuni senza contratto di lavoro. Per questo è stata disposta la sospensione dell’attività per 30 giorni di un bar nel centro storico di Monza.
I fatti risalgono allo scorso 5 gennaio, quando nel corso di una’attività di controllo del territorio, gli agenti della questura di Monza e Brianza sono entrati nel locale di via Manzoni e si sono accorti che alcuni avventori apparentemente minorenni stavano consumando bevande alcoliche. I poliziotti hanno quindi identificato due ragazzi, risultati diciassettenni, i quali hanno confermato di aver ordinato senza che nessuno verificasse la loro minore età. Ma quando hanno contestato al titolare del bar la conseguente sanzione amministrativa, l’uomo ha iniziato ad insultare gli agenti. Non solo; qualche giorno dopo, la sala operativa della questura ha ricevuto una richiesta di intervento per un furto di energia riscontrato dagli operatori della società di distribuzione che avevano rilevato un’attivazione abusiva del contatore elettrico dello stesso bar. E da un controllo effettuato dai militari del comando gruppo di finanza di Monza è emerso che nello stesso locale tre dipendenti erano privi di regolare contratto di assunzione.
Il questore della Provincia di Monza e della Brianza, Marco Odorisio, ha quindi disposto la chiusura dell’attività per 30 giorni. Il titolare è anche indagato in ordine al reato di oltraggio a pubblico ufficiale.