Milano: ordinanza stupro studentessa, ‘arrestati per hanno capito disvalore azioni’

SportFair

Milano, 20 gen. (Adnkronos) – Mattia Lucarelli e Federico Apolloni, calciatori del Livorno, finiti ai domiciliari – su richiesta della procura di Milano – con l’accusa di violenza sessuale di gruppo nei confronti di una studentessa americana hanno “agito in un contesto ludico e ricreativo, approfittando dello stato ‘alterato’ della giovane”. Le modalità con cui è stata compiuta la violenza “appaiono particolarmente allarmanti e denotano la spregiudicatezza degli indagati, in quanto risultano suscettibili di essere utilizzate dagli stessi in innumerevoli altri episodi”. Lo scrive nell’ordinanza di custodia cautelare il gip di Milano Sara Cipolla che ha accolto la tesi del pm Alessia Menegazzo e dell’aggiunto Letizia Mannella.
Gli arrestati “potrebbero verosimilmente in altre occasioni approfittare di una giovane ragazza ubriaca fuori da una discoteca per adescarla e portarla presso l’abitazione di uno dei due ragazzi, e quindi ivi abusare della stessa e riprenderla a sua insaputa. Emerge invero nitidamente dai video che riprendono la violenza e dagli ulteriori atti di indagine, in particolare le intercettazioni ambientali, l’incapacità degli indagati di comprendere appieno il disvalore delle proprie condotte, e la conseguente possibilità che gli stessi reiterino nei propri comportamenti delittuosi, convinti della propria innocenza” si legge nelle esigenze cautelari.