Milano: calciatori arrestati, ‘siamo innocenti ma pentiti per volgarità dette’

SportFair

Milano, 24 gen. (Adnkronos) – “Siamo innocenti, ma siamo pentiti per le parole offensive e volgari rivolte a quella ragazza straniera”. Sono queste le parole che, riferisce il difensore Leonardo Cammarata, i calciatori del Livorno Mattia Lucarelli e Federico Apolloni – agli arresti domiciliari per violenza sessuale di gruppo – hanno pronunciato in propria difesa nell’interrogatorio di garanzia davanti al gip di Milano Sara Cipolla.
“E’ stata una liberazione poter raccontare la nostra versione”, quello che è accaduto la notte tra il 26 e il marzo scorso quando, il gruppo di cinque amici offre un passaggio in auto alla 22enne studentessa americana appena uscita da un locale, ma invece di riaccompagnarla a casa la portano in un appartamento in zona piazzale Libia a Milano. Mattia, accompagnato dal padre Cristiano (ex calciatore), ha risposto per circa 90 minuti alle domande, stesso tempo anche per Federico, accompagnato dal padre e dal fratello. Entrambi hanno cercato di nascondersi alle telecamere presenti al settimo piano del Palazzo di giustizia.