F1: Liberty Media contro la Fia, ‘commenti ‘inaccettabili sul valore del campionato’

SportFair

Roma, 24 gen. (Adnkronos) – I proprietari della Formula 1, Liberty Media, hanno accusato il presidente dell’organo di governo degli sport motoristici della Fia, Mohammed Ben Sulayem, di aver fatto commenti “inaccettabili” sul valore del campionato. Lunedì Sulayem ha definito un’offerta negata di $ 20 miliardi dall’Arabia Saudita per acquistare la F1 un “prezzo gonfiato” per lo sport. Ha anche affermato che era “dovere della Fia considerare quale sarà l’impatto futuro per i promotori in termini di aumento delle tariffe di hosting e altri costi commerciali”.
Liberty Media ha risposto a Sulayem in una lettera inviata al presidente, definendo le sue dichiarazioni “inaccettabili” e che “oltrepassano i limiti sia del mandato della Fia che dei suoi diritti contrattuali”. La lettera affermava anche che Liberty Media ha “il diritto esclusivo di sfruttare i diritti commerciali nel Fia F1 World Championship”.
“Qualsiasi suggerimento o implicazione contraria, o che qualsiasi potenziale acquirente dell’attività di F1 sia tenuto a consultare la Fia, è sbagliato”, hanno detto il direttore legale della F1 Sacha Woodward Hill e Renee Wilm nella lettera, come riportato dalla Bbc. Liberty Media ha pagato circa 4,4 miliardi di dollari per acquistare la F1 nel 2017. La F1 detiene i diritti commerciali della categoria in base a un contratto di locazione di 100 anni firmato dalla Fia.