Calcio: Scontri A1, Abodi, ‘divieto trasferte? Paghi chi è colpevole ma serve più tecnologia’

SportFair

Roma, 19 gen. – (Adnkronos) – ‘Blocco trasferte tifosi Roma e Napoli? La soluzione giusta e che rispetto è quella che è stata assunta, sono abituato a rispettare il lavoro dei colleghi e la decisione presa dal ministro era la decisione che andava presa. Io ho parlato di una necessità di rendere puntuale l’attribuzione delle responsabilità, nel mio mondo ideale paga il colpevole. Questo lo può garantire anche il supporto tecnologico. Se mille persone fanno un coro incivile quelli pagano, dopodiché dobbiamo abituarci a conoscere le norme e rispettarle. Poi possiamo lavorare per cambiarle”. Lo ha detto il Ministro per lo Sport e per i giovani Andrea Abodi nel corso del Premio Biscardi sulla decisione del ministro Piantedosi di bloccare le trasferte per i tifosi di Roma e Napoli.
‘Negli stadi c’è una precipitazione del numero degli incidenti nonostante i numeri siano sempre gli stessi. Rendere gli stadi sempre più intelligenti dal punto di vista tecnologico, arrivando ad una divisione netta tra fregiarsi del titolo di tifosi e perderlo. O si è tifosi o delinquenti. Quello che succede fuori dallo stadio rientra nell’ordine pubblico non sono contento che a decine di chilometri c’è stato quello che c’è stato. Non sono attacchi di tifosi ma di delinquenti che appartengono più alla scenografia di Gomorra piuttosto che di Suburra, si sono incontrati attori non protagonisti di serie tv di cui faccio a fatica comprendere sia l’utilità che la necessità”, ha aggiunto Abodi.