Andretti-Cadillac, caos in Formula 1: alcuni produttori si oppongono

L'annuncio di Andretti-Cadillac non è stato bene accolto da molti: alcuni produttori si sono opposti al nuovo team in Formula 1

SportFair

La settimana scorsa Andretti e Cadillac hannoannunciato la loro intenzione di sbarcare in Formula 1 con un nuovo team. La notizia, però, non è stata bene accolta da tutti.

Come annunciato da Ben Sulayem in un tweet, l’annuncio ha incontrato una certa opposizione da parte di alcuni produttori “è sorprendente che ci sia una reazione così avversa alla notizia di Cadillac e Andretti. Negli ultimi anni la FIA ha accettato iscrizioni da organizzazioni più piccole e di maggior successo. Dovremmo incoraggiare potenziali ingressi di produttori globali come General Motors e concorrenti comprovati come Andretti e altri. L’interesse dei team nei mercati in crescita aggiunge diversità e amplia il fascino della F1“.

L’opposizione è una conseguenza dell’attuale regolamento della Formula 1: gli introiti ora spartiti tra dieci squadre dovrebbero essere diluiti in undici. Affinché una nuova squadra entri, deve pagare un importo vicino ai 200 milioni di euro come franchigia (per rispettare il valore delle squadre esistenti). Ma si capisce che ci sono squadre contrarie a questa partnership Andretti-Cadillac, che potrebbe affermarsi come la principale squadra nordamericana nella competizione, danneggiando Haas e conquistare alcuni dei maggiori sponsor statunitensi. Per ora, il progetto squadra deve presentare una ‘manifestazione di interesse’ alla FIA in modo che possa valutare il suo possibile ingresso nel campionato.

Il commento di Michael Andretti

In F1 la proprietà guarda al proprio interesse e non al meglio per il campionato. È la differenza con il presidente Mohammed (Ben Sulayem), che guarda al futuro dello sport e capisce che il campionato ha bisogno di una o due nuove squadre”, ha dichiarato in un’intervista a Forbes.