Marquez, che stoccata a Rossi: “quando si è inferiori…”

Marc Marquez e la rivalità con Valentino Rossi: il pilota spagnolo della Honda punge nuovamente il Dottore

SportFair

La stagione 2022 di MotoGp è terminata da un po’ ormai e per il nuovo Mondiale bisogna attendere ancora qualche mese, ma i piloti riescono a far parlare del mondo a due ruote, tra infortuni e frecciatine.

Se qualche giorno fa prima Dovizioso e poi Quartararo hanno aggiornato tutti i loro fan sui loro infortuni, adesso a far parlare sono le nuove dichiarazioni di Marc Marquez su Valentino Rossi.

E’ noto al mondo intero che tra i due non scorre buon sangue, da anni ormai, ma la stretta di mano del 2019 aveva fatto pensare ad un avvicinamento, che non c’è però mai stato.

I due sono stati sempre chiari: non hanno un motivo valido per avere nuovamente un rapporto amichevole l’uno con l’altro.

Marc Marquez pugne Valentino Rossi

Marquez ha più volte affermato il suo punto di vista sul Mondiale 2015 e sulle ‘tecniche’ di Valentino Rossi e lo ha ribadito recentemente nel programma “El Novato” su Antena 3, condotto da Joaquin. Lo spagnolo della Honda trova sempre nuovi stimoli per pungere il Dottore.

Mi piace la rivalità. È normale che ci sia tensione con un rivale. Mi è successo con Dani Pedrosa e Jorge Lorenzo. Ma con Rossi ho avuto il rapporto peggiore. È stato come un divorzio, ognuno con le sue ragioni. Quando sei il migliore, come Messi nel calcio, non c’è bisogno di accendere la partita. Quando si è inferiori, invece… Ecco, è successo questo. In quel momento, Lorenzo era più veloce e Rossi provò a infiammare l’ambiente per danneggiare l’avversario. Ma alla fine vinse la velocità“, ha affermato Marquez.

Lo spagnolo ha poi assicurato di non avere intenzione di riavvicinarsi al suo ex collega, così come anche Valentino Rossi: “se qualcuno mi nega il saluto, provo solo indifferenza. Per questo non me la sento di riconciliarmi con Rossi. Lo rispetto molto, per tutto quello che ha fatto per il motociclismo perché ha portato molti fan, ma mi fermo qui“, ha concluso.