E’ morto Sinisa Mihajlovic: il calcio piange l’allenatore

E' morto Mihajlovic: un gravissimo lutto nel mondo del calcio, l'annuncio è arrivato direttamente dalla famiglia

SportFair

Un gravissimo lutto nel mondo del calcio: è morto Sinisa Mihajlovic.  La famiglia ha ora diramato un comunicato nel quale annuncia la scomparsa del tecnico serbo, definendo la sua morte “ingiusta e prematura”.

“La moglie Arianna, con i figli Viktorija, Virginia, Miroslav, Dusan e Nikolas, la nipotina Violante, la mamma Vikyorija e il fratello Drazen, nel dolore comunicano la morte ingiusta e prematura del marito, padre, figlio e fratello esemplare, Sinisa Mihajlovic”.

La malattia di Mihajovic

La vita di Sinisa Mihajlovic è cambiata radicalmente l’11 luglio 2019 quando scoprì di essere gravemente malato, il tecnico annuncia il problema di salute in conferenza stampa. Si tratta di leucemia mieloide acuta, una malattia aggressiva come il tumore del sangue. Il serbo dimostra una grande forza di volontà e torna in panchina a guidare la squadra.

Nel mese di ottobre 2019 si procede con il trapianto di midollo osseo. Quasi un mese dopo le dimissioni dall’ospedale. Nell’estate 2020 risulta positivo al Covid, una situazione a rischio per i soggetti fragili a causa delle cure per la malattia. Mihajlovic vince anche questa battaglia.

Il 26 marzo 2022 una nuova doccia fredda: il serbo comunica la necessità di doversi assentare per alcune partite per tornare ad affrontare la malattia dopo delle analisi che non hanno dato l’esito sperato. Il 6 settembre 2022 viene esonerato dal Bologna.