Morte Rebellin: individuato il camionista, ma non andrà in carcere

E' stato individuato il camionista che ha travolto e ucciso Davide Rebellin: per l'uomo tedesco, però, non è previsto l'arresto

SportFair

La morte di Davide Rebellin ha stravolto l’Italia intera e tutto il mondo del ciclismo. Il 51enne aveva annunciato il ritiro dal professionismo appena un mese fa, ma continuava a coltivare la sua enorme passione per le due ruote, allenandosi in sella alla sua bici.

Così ha fatto anche due giorni fa, nelle strade del vicentino, ma da quell’allenamento non è mai più tornato a casa: Rebellin ha perso la vita investito da un camion.

Il camionista aveva fatto perdere le sue tracce dopo aver travolto l’ex ciclista e le autorità hanno subito avviato le ricerche per individuarlo e fermarlo.

Individuato il camionista

Oggi, due dicembre, è statoindividuato il camionista responsabile dell’incidente che ha causato la morte di Rebellin. E’ un cittadino tedesco 50enne, individuato grazie alla collaborazione tra i carabinieri e la polizia tedesca.

L’uomo, che aveva fatto perdere le sue tracce dopo l’incidente, è stato denunciato a piede libero, ma per lui non è in programma l’arresto, perchè il codice tedesco non prevede il reato di omicidio stradale.