Tennista polacca vittima di abusi, Swiatek: “mi ritengo fortunata”

Iga Swiatek commenta la recente denuncia di una tennista polacca, vittima di abusi da parte del suo ex allenatore, attuale presidente della Federazione

SportFair

Scandalo in Polonia: il tennis polacco è sotto shock dopo la denuncia di abusi della tennista e parlamentare polacca Katarzyna Kotula da parte dell’attuale presidente della Polish Tennis Association Miroslaw Skrzypczynski quando era il suo allenatore e quando lei era solo una ragazza.

Il commento della numero 1 Swiatek

Iga Swiatek ha pubblicato sui suoi social un ampio comunicato chiedendo di agire contro questa denuncia.

Swiatek crede che l’unica cosa che può fare riguardo a questo caso sia alzare la voce e aiutare il più possibile le persone colpite. “sento che come attuale leader del tennis femminile, non posso tacere su alcune questioni. Ricordo che apprezzo sempre avere la libertà di decidere se voglio parlare di qualcosa o no. Decido tenendo conto della mia sensibilità, conoscenza, limiti e della forza che ho in quel momento per sostenere le persone che stanno soffrendo o che ti incoraggiano a fare qualcosa, come prendersi cura della nostra salute mentale. Ed è per questo che so che quando c’è un caso di violenza fisica o abuso emotivo, la cosa più importante è pensare ed essere sensibili alle vittime. E quando alziamo la voce su qualcosa di ingiusto che è successo, dobbiamo prima pensarci. Cerco di farlo nel miglior modo possibile“.

La tennista polacca riflette anche la gravità delle presunte azioni del massimo leader del tennis polacco e chiede che le autorità del Paese agiscano al riguardo. “Sono contro la violenza nello sport, nel tennis, in ogni disciplina e nella vita di tutti i giorni. Ecco perché considero una cosa seria gli articoli contro il presidente dell’Associazione polacca di tennis. Le autorità dovranno determinare cosa è successo e spero che agiranno su questo caso dopo che i media hanno scritto di persone con cui hanno parlato. Non è mio compito fare il lavoro delle autorità e dei giornalisti, ma è una cosa molto seria e riguarda la salute e la vita delle persone”.

Swiatek ritiene che la prima cosa da fare con le vittime di queste azioni sia mostrare loro sostegno per combattere la loro sofferenza. “Quando sento di poter fare qualcosa, è per aiutarti a cercare aiuto quando accade qualcosa di brutto nello sport e in ogni situazione della vita in cui è possibile che qualcuno possa subire violenze fisiche o abusi emotivi. Se qualcuno soffre per questo, la cosa più importante è prendersi cura di lui e mostrare sostegno, ci sono hotline e organizzazioni che aiutano le persone che subiscono violenza. Questo potrebbe essere il mio ruolo ed è così che posso usare la mia influenza qui, essendo una voce che cerca di educare e ricordare che la cosa più importante è cercare aiuto quando ne hai bisogno. È fondamentale essere sensibili alle persone che subiscono violenza, soprattutto se non hanno gli strumenti o la forza per parlarne apertamente. È fondamentale essere vigili, parlare e cercare di aiutare quando vediamo qualcuno che soffre“.

Personalmente sono stata fortunata a non aver vissuto queste situazioni difficili e terribili e ringrazio mio padre e come ha guidato la mia carriera. Ho una squadra incredibile e per questo mi sento una privilegiata, ma sono consapevole che non tutti gli atleti possono avere la stessa indipendenza. Spero che con la denuncia di questi casi e una soluzione equa, lo sport cambierà in meglio, in Polonia e nel mondo“, ha concluso.