Apoteosi Ducati, è trionfo anche in Superbike: Bautista si laurea campione

Alvaro Bautista si è laureato campione del Mondo in Superbike, si tratta di un grandissimo risultato anche per la Ducati

SportFair

E’ stata una stagione da ricordare per la Ducati. Dopo il trionfo in MotoGP con l’accoppiata tutta italiana con Bagnaia, è arrivato un grandissimo successo anche in Superbike. Alvaro Bautista si è laureato campione, il 38enne spagnolo ha conquistato il titolo in Indonesia al termine di una stagione da dominatore, superata la concorrenza di due piloti competitivi come Toprak Razgatlioglu e Jonathan Rea.

Per la Rossa si tratta del 15° Mondiale Piloti della storia: l’ultimo era stato vinto da Carlos Checa nel 2011. Per Bautista si tratta del secondo titolo iridato, il primo era arrivato nel 2006, in 125 e su un’altra moto italiana, l’Aprilia. Bautista ha conquistato un altro grandissimo risultato, la vittoria del campionato di Superbike, arrivata ufficialmente nella penultima gara. Il vantaggio in classifica su Razgatlioglu è tranquillizzante e l’ultimo gran premio in Australia non potrà cambiare il risultato finale.

Alvaro Bautista
Foto di Vincent Jannink / Ansa

Chi è Alvaro Bautista

Álvaro Bautista è un pilota motociclistico spagnolo campione del mondo nel 2006 della classe 125 e della Superbike nel 2022. E’ un classe 1984. La stagione 2006 è stata indimenticabile con la vittoria del campionato in 125, ottenne 8 vittorie e altrettante pole position, più 4 secondi e 2 terzi posti. Nel 2007 il passaggio in 250 con l’Aprilia, conquistate 8 vittorie (la prima al Mugello), con un secondo e due quarti posti nelle classifiche finali del Mondiale.

Nel 2010 il debutto in top-class. Il 2012 sarà la sua migliore stagione in MotoGP: ottiene la sua prima pole position e chiude terzo a Misano, concludendo al quinto posto la classifica generale. Positivo anche il 2014, ancora un podio e il sesto posto complessivo. Nel 2015 torna in Aprilia e nel 2017 entra a far parte della Ducati, piazzandosi per due volte 12°. Nel 2019 il passaggio in Superbike, in Ducati. Il debutto è da stropicciarsi gli occhi: a Phillip Island vince gara 1, la Superpole Race e gara 2. Chiude la stagione al secondo posto, alle spalle di Rea. Nel 2020 passa alla Honda, ma i risultati non sono positivi. Adesso l’apoteosi, è diventato campione del Mondo di Superbike con la Ducati.