Marko sospettoso sul caso budget cap: FIA e Mercedes accusate

Helmut Marko punta il dito contro Mercedes e FIA: accusate dal consulente di violazione di conformità per la fuga anticipata di notizie sul caso budget cap

SportFair

Il caso budget cap non smette di far parlare, seppur in modo differente. Se fino a qualche settimana fa non si faceva altro che parlare della Red Bull, in attesa della decisione della FIA sulla sanzione da dare al team di Milton Keynes, adesso è la Scuderia, presa di mira da media e avversari a puntare il dito.

Helmut Marko, infatti, ha accusato la Federazione di una fuga di notizie: le indiscrezioni sullo sforamento del budget cap sono trapelate ancora prima della conclusione delle indagini della FIA e questo desta molti sospetti in casa Red Bull.

Le parole di Helmut Marko

“Sono state diffuse in anticipo informazioni che noi non avevamo e che in realtà aveva solo una squadra. Ovviamente ci sono di mezzo giochi politici, ha dichiarato il consulente alla tv RTL, puntando il dito contro la Mercedes.

È quantomeno sospetto che una dipendente della Mercedes si sia trasferita alla FIA, che abbia lavorato su questi documenti per il tetto dei costi alla Mercedes e che poi sia stata incaricata, presso la Federazione, del loro controllo. A nostro avviso, esiste sicuramente una violazione di conformità o almeno un’indicazione di violazione di conformità. L’intera faccenda non fa una buona impressione”, ha continuato Marko.

Sono convinto che la situazione diventerà molto più chiara nei prossimi anni e per questo noi stiamo assumendo altri contabili per ottenere tutta la sicurezza necessaria”, ha concluso.