Bagnaia-Quartararo, una rivalità pulita: abbracci, pacche e parole al miele a Valencia | VIDEO

Bagnaia-Quartararo, una rivalità pulita e genuina: i giovani piloti che insegnano i veri valori dello sport. Abbracci e strette di mano a Valencia

SportFair

Pecco Bagnaia è il nuovo campione del mondo di MotoGP. Grazie al suo nono posto in gara oggi al Valencia GP, il ducatista può festeggiare il suo primo titolo iridato in top class.

Il torinese arrivava in Spagna con un vantaggio di 23 punti sul suo diretto rivale, Fabio Quartararo, col quale non sono mancati momenti di fuoco, in pista, e abbracci e strette di mano fuori dalla pista.

Bagnaia e Quartararo, infatti, sono ‘famosi’ per essere due rivali pulitissimi. Due giovani che, fuori dalla pista, non hanno mai avuto motivi per frecciatine, screzi e liti. In molti li hanno anche criticati per questo, abituati alle rivalità accese come Rossi-Lorenzo e Rossi-Marquez, ma loro non se ne preoccupano.

Bellissimi i gesti di oggi: Quartararo si è accostato a Bagnaia, in pista, al termine del Gp di Valencia di oggi, per stringergli la mano, poi, al parco chiuso, il francese è voluto essere presente all’arrivo del suo avversario per abbracciarlo calorosamente e congratularsi con lui, prima di defilarsi per lasciare spazio ai festeggiamenti Ducati.

Le parole di Quartararo

Nelle interviste post gara, Quartararo ha parlato proprio del rapporto con Bagnaia: “la battaglia con Pecco è stata un po’ inaspettata, l’ho visto e ho detto io devo andare avanti, ho dato il mio massimo, è stato difficile, soprattutto per la gomma davanti, ma ho dato il 100% e complimenti a Pecco per il titolo. Pecco ha fatto un anno della Madonna, complimenti, dai che l’anno prossimo ci divertiamo sicuramente. Io quest’anno ho visto tanta gente che ha detto si i piloti di adesso fuori dalla pista sono torppi gentili, ma alla fine oggi si è visto, con Pecco in pista abbiamo lottato, non so perchè fuori dalla pista dobbiamo essere incazzati l’uno con l’altro, in pista è la guerra, ma fuori è uno sport come tutti, è il sogno di tutti i piloti di essere campione del mondo di MotoGp quindi cocmplimenti a Pecco che soprattutto nella seconda parte della stagione è andato fortissimo“, ha dichiarato ai microfoni Sky.