Robert Sarver travolto dallo scandalo di frasi razziste e sessiste: il proprietario vende i Suns

Robert Sarver costretto a lasciare i Suns a causa di una brutta vicenda: la notizia è stato confermata dal diretto interessato

SportFair

Il proprietario dei Phoenix Suns Robert Sarver ha messo in vendita la franchigia. L’annuncio è arrivato dal diretto interessato, a causa dello scandalo che aveva portato alla sua sospensione di 12 mesi da parte Commissioner Nba. Il proprietario dei Suns da 17 anni era stato sanzionato pochi giorni fa con la squalifica e 10 milioni di dollari di multa in seguito ad un’investigazione della lega su un articolo in cui veniva accusato di razzismo, sessismo e condotta inappropriata nei confronti dei dipendenti.

“Come uomo di fede credo nell’espiazione e nel perdono. Mi aspettavo che lo stop di 12 mesi mi desse il tempo di fare ammenda e togliere l’ombra delle mie controversie personali dalla squadra che io e i nostri tifosi amiamo tanto. Ma nell’attuale spietato clima è diventato dolorosamente chiaro che non fosse possibile. Che tutto il buono che posso fare o aver fatto viene sovrastato da quello che ho detto in passato. Per queste ragioni, inizio il processo di vendita di Suns e Mercury. Parole di cui mi pento oscurano quasi due decenni di organizzazione di una franchigia che ha riunito tanta gente in Arizona, grazie alla pallacanestro maschile e femminile”, le parole di Robert Sarver che non ha ricevuto alcuna condanna penale, ma costretto comunque a lasciare l’Nba.