Alessandro Gentile miracolato, il racconto: “una botta incredibile, ho anche perso conoscenza” | FOTO

Che botta per Alessandro Gentile: il racconto dell'ex capitano dell'Olimpia Milano, salvo per miracolo

/
SportFair

Lunedì da dimenticare per Alessandro Gentile, l’ex capitano dell’Olimpia Milano è stato vittima di un terribile incidente domestico, fortunatamente senza gravi conseguenze. Il cestista italiano si trovava in vacanza a Formentera con la fidanzata, alcuni amici ed il fratello Stefano, quando la ringhiera di legno del balcone su cui era appoggiato ha ceduto e lui ha fatto un volo di 4 metri, cadendo a terra di spalle.

Sono un miracolato, davvero non ho altre parole per fare una sintesi di quello che mi è successo. Ha ceduto la ringhiera in legno della terrazza della villa che ho preso in fitto per alcuni giorni di vacanza, facendo un volo più o meno di quattro metri. Ero semplicemente appoggiato a questa ringhiera o forse sarebbe meglio dire corrimano, quando all’improvviso mi sono ritrovato giù. Una botta incredibile, tutto in una frazione di secondi, ho anche perso conoscenza, giusto per farvi capire il colpo preso“, ha raccontato alla Gazzetta.

Sono un po’ dolorante, ma nel complesso sto bene. Ora torno in Italia e vediamo i medici cosa consigliano di fare. Al momento, ripeto, posso solo dire che mi è andata di lusso…“, ha continuato Gentile, che oggi sarà trasferito a Napoli, dove un medico di fiducia studierà la situazione e valuterà se intervenire chirurgicamente o meno.

Sui social, poi, Gentile ha continuato a pubblicare Storie, con selfie pungente: “non era mia intenzione postare alcun tipo di storia o post sull’accaduto… mi sono ritrovato costretto a dover smentire alcuni articoli completamente privi di fondamento, contenenti informazioni per nulla veritiere sul mio stato di salute… non sono qui per ricevere abbracci e amore da persone che fino a 2 giorni fa mi hanno sputato addosso di tutto… sono qui per tranquillizzare quelle persone che mi sono sempre state vicino e che mi vogliono bene a prescidenre dallo sportivo che sono. Sono ancora in piedi… mi dispiace per molti di voi he mi vorrebbero a terra… CI VEDIAMO MOLTO PRESTO“.

 

Di Rita Caridi

Nata a Reggio Calabria il 18 giugno 1990 ama tutti gli sport, con un focus particolare sui motori e la pallacanestro. Scrive su SportFair dal 2015