Il Setterosa è dominante: l’Italia vola in semifinale al Mondiale, partita senza storia contro la Francia

Il Setterosa non si ferma più, netto successo ai quarti di finale contro la Francia: adesso la semifinale

SportFair

Il Setterosa regala spettacolo ai Mondiali a Budapest. Le azzurre si sono messe in mostra nella gara dei quarti di finale contro la Francia, la partita non è stata quasi mai in discussione. Solo il primo quarto è stato in parte equilibrato, l’Italia ha chiuso sul punteggio di 3-2. Nel secondo quarto le azzurre entrano con la giusta cattiveria e chiudono i conti con un parziale di 4-1. All’intervallo il vantaggio è di quattro lunghezze.

Nel terzo quarto si registra lo scatto decisivo dell’Italia. Il risultato di 6-1 lascia pochi dubbi sulla superiorità delle azzurre. La Francia non ha la forza di reagire, anche il quarto e ultimo quarto si conclude a favore dell’Italia con il punteggio di 4-3. La partita si è conclusa 17-7. Le azzurre volano in semifinale, dovranno vedersela contro la vincente tra Usa e Spagna.

La cronaca

Le prime sette in vasca sono Banchelli, Tabani, Picozzi, Marletta, Emmolo, Palmieri e Giustini. Avvio complicato. Due volte avanti con Giustini e due volte riprese dal capitano Guillet su rigore e Vernoux con un tiro che rimbalza sull’acqua e mette fiori causa Banchelli. Arbitri molto severi con le azzurre: Queirolo è con due falli già prima della fine del primo tempo. Claudia Marletta con un tiro da zona quattro riporta avanti le calottine bianche. Grande difesa con 4 inferiorità sventate. In avvio di secondo tempo Varnoux sorprende la 13 azzurra sul palo più vicino. Al minuto 11’30 Avegno dal lato corto, in superiorità numerica, la prima realizzata della partita, fa 4-3. Banchelli non si fa ingannare dalla palomba, lancia la controfuga e ancora Avegno segna il primo break (tiro a schizzo per il 5-3). Cominciano ad arrivare le superiorità anche in casa Italia: Bianconi battezza il palo e bum-bum Giustini firma la quaterna personale che vale il 7-3.

Cambia la partita. Il Setterosa è scatenato e spinge sull’acceleratore. La forbice si allarga. A metà del terzo periodo Silipo decide di alternare i portieri e manda tra i pali Teani. Guillet interrompe il lungo break azzurro (10-0). Teani respinge la conclusione potente di Daule e annulla la quinta superiorità francese. Ultimo tempo: Millot e Guillet provano a ridurre il gap ma le ragazze di Silipo non vogliono regalare nulla e allora finisce col pallottoliere; Tabani si fa apprezzare anche nell’inusuale posizione di centroboa, Giustini griffa il sesto gol personale e Emmolo realizza il suo primo gol a questo Mondiale. Il capitano francese Guillet è l’ultima ad arrendersi e chiude il match col gol che vale la sua quaterna.

Le parole del commissario tecnico Carlo Silipo. “Siamo tra le prime quattro al mondo. Non mi è piaciuto molto l’approccio alla gara. Così come non mi sono piaciute la fase difensiva e alcune soluzioni individuali, troppo affrettate in attacco. Dobbiamo cambiare passo se vogliamo arrivare alla finale. Bisogna giocare da squadra”.

Le parole di Sofia Giustini, calottina numero 6. “Il Setterosa è tornato e questo è un messaggio per tutte le nostre avversarie e un motivo di soddisfazione per tutte noi. Sono emozionata perchè al mio primo mondiale sono in semifinale. Siamo cariche e non vediamo l’ora di tornare in acqua giovedì sera”.

Le parole di Roberta Bianconi, calottina numero 8. “Questa squadra sta tornando grande. La mancata qualificazione olimpica ha caricato le più esperte e spronato le tante giovani che sono qui a Budapest. Possiamo crescere ancora molto. Oggi abbiamo sbagliato qualcosa nel primo tempo; non dovrà capitare in semifinale e contro avversarie di altro livello”.

Italia-Francia 17-7
Italia: Teani, Tabani 2, Marletta 2, Avegno 3, Queirolo, Giustini 6, Picozzi 1, Bianconi 1, Emmolo 1, Palmieri, Galardi, Viacava 1, Banchelli. All. Silipo
Francia: Vidal, Millot 1, Fitaire, Bouloukbachi, Guillet 4, Benlekbir, Dhalluin, Battu, Vernoux 2, Bahia, Radosavljevic, Daule, Collas. All. Bugeaud
Arbitri: Painchaiud (CAN), Savinovic (CRO)