Attrici e sportive investono nel calcio femminile: Natalie Portman guida l’Angel City FC, un club pensato come un marchio

Un club pensato come un marchio: Natalie Portman guida l'Angel City FC e tante attrici e sportive investono come lei nel calcio femminile

SportFair

Il calcio femminile negli Stati Uniti sta facendo passi da gigante. Grazie anche ad una denuncia di cinque calciatrici della Nazionale, gli stipendi tra donne e uomini sono adesso equiparati. Gli States sono uno dei pochi paesi in cui la Nazionale maschile di calcio genera meno soldi di quella femminile e anche grazie a questo si è arrivati alla decisione di dare alle donne lo stesso stipendio degli uomini.

Nonostante ciò, però, il calcio femminile non ha ancora la stessa importanza, in termini di visibilità soprattutto, che ha quello maschile. Per questo motivo sono sempre più le persone famose che decidono di investire in questo settore.

L’ultima tra queste è Natalie Portman: l’attrice ha deciso di dedicarsi al calcio femminile guidando l’Angel City FC. Si tratta di un club sportivo che non ha ancora raggiunto traguardi importanti, ma ha già ottenuto una vittoria speciale davanti a 22 mila tifosi, ma che sta creando movimento a livello mediatico grazie a coloro che hanno deciso di investirci.

Oltre a Natalie Portman, altri volti femminili famosi di Hollywood e dell’industria musicale hanno aderito a questo progetto, come Jennifer Garner, Eva Longoria, Gabrielle Union, Jessica Chastain, Becky G, Christina Aguilera, e atleta come Billie Jean King, Julie Foudy, Mia Hamm, Serena Williams, Lindsey Vonn e Abby Wambach.

La presidente e co-fondatrice di Angel City, Julie Uhrman, ha affermato “Ora costruiremo il club con autenticità, pensandolo come un marchio“.

Il club ha anche sviluppato un primo programma di sponsorizzazione del settore per attirare marchi non tradizionalmente allineati con lo sport e sta trovando nuovi modi per supportare i suoi giocatori dentro e fuori dal campo. Il progetto di Angel City mira a cambiare la cultura e combattere discriminazione e molestie, con una solida pianificazione aziendale. Siamo certi che sentiremo ancora parlare di questo club.