Italia da sballo, chiusura in bellezza a Maribel! Doppietta italiana: Brignone vince l’ultimo gigante stagionale davanti a Bassino

Fantastica doppietta italiana nell'ultimo gigante femminile della stagione: Brignone vince a Meribel, Bassino seconda

SportFair

Eccezionale doppietta azzurra sul podio nell’ultimo gigante stagionale alle finali di Coppa del mondo in programma a Courchevel-Méribel. Sulla “Roc de Fer”, Federica Brignone ha messo in scena una seconda manche da vera campionessa, concludendo col tempo complessivo di 2’14”68. La carabiniera valdostana è riuscita a tornare alla vittoria tra le porta larghe del massimo circuito, a distanza di quasi due anni dall’ultima volta a dicembre 2020 a Sestriere. Per Brignone si tratta del quarantanovesimo podio in carriera in Coppa del mondo – ventesima vittoria -, portandosi a due podi di distanza dal terzo posto all-time nella storia dello sci azzurro, occupato da Isolde Kostner. Dodicesima doppietta femminile nella storia dello sci di Coppa del mondo, seconda stagionale dopo quella Brignone-Curtoni nel supergigante di St.Moritz e la prima in gigante da Soelden 2020 (Bassino-Brignone).

Marta Bassino si è accomodata subito alle spalle della compagna di squadra, grazie ad una favolosa seconda manche che le ha permesso di risalire dalla sesta posizione della prima run, mettendosi dietro – per sei centesimi – anche la slovacca Petra Vlhova, terza classificata. Quarto podio stagionale per la cuneese e ventunesimo in carriera, superando nella speciale classifica Manfred Moelgg, fermo a venti. Elena Curtoni ha chiuso la gara in ventiquattresima posizione.

Giornata di gloria per le donne azzurre che raggiungono l’undicesima vittoria, che vuol dire record di sempre in una singola stagione femminile di Coppa del mondo.

È successo di tutto nella seconda manche, con Mikaela Shiffrin che è crollata letteralmente finendo addirittura settima e perdendo la possibilità di conquistare la coppetta di specialità che sembrava già tra le sue mani. Vittoria che è andata alla francese Tessa Worley, seconda volta in carriera dopo quella del 2017, davanti alla svedese Sara Hector.