A Barcellona la 37ª America’s Cup: è la prima sede al mondo ad ospitare sia i Giochi Olimpici che un evento di Coppa America

A Barcellona la 37ª edizione dell'America's Cup: l'annuncio di oggi sui canali ufficiali della prestigiosa competizione di vela

SportFair

Emirates Team New Zealand e il Royal New Zealand Yacht Squadron sono lieti di annunciare che Barcellona, ​​nella regione della Catalogna, ospiterà la 37a America’s Cup che si terrà a settembre e ottobre 2024.

Un misto di storia e modernità, Barcellona è una delle città più iconiche e attraenti del mondo e diventerà la prima sede al mondo ad ospitare sia i Giochi Olimpici che un evento di Coppa America.

Grant Dalton, CEO dell’America’s Cup Defender Emirates Team New Zealand, è lieto di annunciare Barcellona come sede ospitante dopo un lungo e competitivo processo di selezione della sede: “Barcellona è davvero una delle città più riconosciute al mondo, quindi avere la possibilità di ospitare l’evento velico più riconosciuto al mondo è estremamente eccitante. In qualità di Defender dell’America’s Cup, abbiamo sempre sentito la responsabilità di far crescere l’evento, il pubblico e lo sport della vela su scala globale e sicuramente avere l’evento ospitato in una città importante come Barcellona ci consentirà di dare impulso alla crescita traiettoria sulla scena sportiva mondiale. Quando si pensa alla 37a America’s Cup e alle gare dell’AC75 a poche centinaia di metri dalla spiaggia di Barcellona, ​​dal lungomare e dalle zone di coinvolgimento dei fan del villaggio di gara, sarà niente di meno che spettacolare“.

Barcellona è una città leader in termini di sostenibilità e impatto sociale con l’ambizione di diventare la capitale digitale e tecnologica d’Europa, quindi l’allineamento con l’America’s Cup è chiaro. Le sue strutture esistenti di classe mondiale per le regate, le basi delle squadre, le infrastrutture tecniche, i superyacht e le aree per il villaggio dell’evento dell’America’s Cup per ospitare fan, ospitalità e media, nonché una gamma media di vento di 9-15 nodi durante la gara di settembre e ottobre finestra, ha reso la città completamente adatta allo scopo.

L’offerta di Barcellona ha visto un’alleanza senza precedenti tra enti pubblici e privati ​​che hanno collaborato per attirare l’America’s Cup a Barcellona che includeva il governo della Catalogna, il consiglio comunale di Barcellona, ​​il municipio di Barcellona, ​​il porto di Barcellona, ​​l’agenzia di investimento di Barcelona Global e Barcelona & Partners, un iniziativa senza scopo di lucro composta da oltre 200 delle principali istituzioni cittadine con l’obiettivo di fare di Barcellona una delle migliori città del mondo per talento e attività economica.

Il presidente della Generalitat de Catalunya, Pere Aragonés, ha spiegato che la celebrazione dell’America’s Cup a Barcellona è un’ottima notizia per la città e per l’intero Paese: “si tratta di un evento sportivo storico, che ha una grande proiezione mondiale a livello internazionale livello, economico e turistico. L’America’s Cup non è solo un’attività sportiva isolata e offre molto di più alla sede ospitante. È un evento che genererà un ritorno su molte piattaforme nel corso degli anni e lascerà molto eredità importante per la Catalogna, sono molto soddisfatto perché per la prima volta l’America’s Cup prevede anche una regata specifica di Women’s America’s Cup a Barcellona“.

Il sindaco della città di Barcellona, ​​Ada Colau, ha celebrato l’elezione di Barcellona come sede della 37a edizione dell’America’s Cup, la più antica regata velica: “è un’ottima notizia per Barcellona! Questo dovrebbe servire a promuovere la città al mondo dopo la pandemia, a beneficio della tradizione di Barcellona di questo sport in una città sul mare e, inoltre, per dare impulso al settore emergente dell’innovazione e della tecnologia, legato alle attività nautiche.Voglio ringraziare tutte le istituzioni pubbliche e private per il loro sostegno e complicità in questo progetto”.

Damiá Calvet, il presidente del Porto di Barcellona, ​​parte integrante dell’offerta di successo di Barcellona, ​​ha dichiarato: “abbiamo messo a disposizione del Port Vell la città e il Paese per poter celebrare un’America’s Cup che proietta Barcellona nel mondo e che ha l’innovazione e la sostenibilità come fiore all’occhiello. Sfrutteremo al meglio le infrastrutture che già abbiamo, daremo impulso all’economia e all’occupazione e, infine, lasceremo un’eredità duratura“.

Ulteriori dettagli sulla sede e sulla 37a America’s Cup saranno annunciati a tempo debito. “Ovviamente tutte queste notizie vengono annunciate all’ombra dell’insondabile guerra in Ucraina a cui stiamo assistendo in questo momento, che mette chiaramente tutto in prospettiva per noi“, ha affermato Dalton. “Speriamo sinceramente che ci sia un rapido miglioramento della situazione e vorremmo inviare il nostro forte messaggio di sostegno alle persone in Ucraina durante questo periodo. Non vediamo l’ora di lavorare in collaborazione con il nostro Host Venue di Barcellona e di annunciare ulteriori dettagli a tempo debito“.