Meslek pazzesco! Nuovo record italiano anche nei 1500 indoor a Birmingham

Ancora un record italiano! Dopo Gaia Sabbatini anche Meslek: nuovo primato nei 1500 indoor

SportFair

Le due settimane che hanno riscritto i 1500 indoor italiani: in pochissimi giorni la prima (Ossama Meslek 3:37.29), la terza (Pietro Arese 3:37.86) e la quarta prestazione di sempre (Nesim Amsellek 3:38.42). Al Muller Indoor Grand Prix di Birmingham, un’ora e mezza dopo il record di Gaia Sabbatini nei 1000, si esalta anche Meslek (Atl. Vicentina), vicentino di nascita, trasferito in Marocco a tre anni e poi in Gran Bretagna, a Leeds, dove si vive e si allena. Il 25enne che ha vestito la maglia azzurra agli Europei di cross di Dublino 2021 (e under 23 agli Europei di Gavle nel 2019) toglie oltre due decimi a un record che resisteva da venticinque anni, firmato da Giuseppe D’Urso a Genova nel 1997 (3:37.5 manuale). Sesta piazza per Meslek nella gara vinta dal keniano quarto a Tokyo Abel Kipsang (3:34.57) davanti allo spagnolo Adel Mechaal (3:35.30). Un progresso, quello odierno, che vale un miglioramento di quasi tre secondi rispetto al 3:40.04 di due settimane fa a Miramas e si aggiunge al 7:44.45 centrato sabato scorso a Metz nei 3000 metri, terza prestazione italiana di sempre.

È stata una sorpresa, fino a ieri sera non ero neanche nelle entry-lists di Birmingham – racconta Meslek dall’Inghilterra – poi intorno alle dieci mi hanno comunicato che ero stato preso nella gara. Abito a poco più di un’ora da qui, e quindi ce l’ho fatta ad arrivare, anche se venivo da una settimana completa di allenamenti ed ero molto stanco. La mia crescita? Me la spiego con il fatto di aver cambiato allenatore, ora sono con Matt Yates, oro agli Europei indoor di Genova nel 1992. Finalmente ho risolto i problemi con i tendini e trovato stabilità”.