Stoner torna sulla rivalità con Valentino Rossi: “Laguna Seca? Aveva un piano in mente”

Casey Stoner torna a parlare della rivalità con Valentino Rossi: le parole dell'australiano sulla gara di Laguna Seca

SportFair

Il 2021 ha posto la parola fine alla carriera in MotoGP di Valentino Rossi. Il Dottore ha detto addio alla sua grandissima passione, ma non ha ancora del tutto terminato la sua carriera da pilota: nel 2022, infatti, il 9 volte campione del mondo inizierà una nuova avventura nelle quattro ruote, anche se la stagione è iniziata con il forfait dalla 12 Ore del Golfo.

Nella seconda metà di stagione di MotoGP, anche per rendere omaggio a Rossi, Casey Stoner è stato presente in diverse occasioni nel paddock e con Valentino è finita ad abbracci, sorrisi e complimenti.

I due campioni si sono lasciati la loro rivalità alle spalle, ma questa è ancora uno degli argomenti più chiacchierati e interessanti: l’australiano è tornato a parlare proprio di questo nella serie Talex of Valentino.

Entrambi stavamo raccogliendo tanti punti per il campionato. Forse Valentino aveva già un piano in mente: mi avrebbe battuto o avrebbe fatto in modo che nessuno di noi finisse la gara. Non ne sono sicuro, ma a giudicare da alcune staccate, vien da pensare che fosse quella la sua mentalità. Fin dai primi giri ha cercato di non farmi trovare il mio ritmo“, ha affermato su quanto accaduto a Laguna Seca.

Stoner ha poi ricordato il sorpasso di Rossi al Cavatappi: “ha usato la pista in modo non sicuro. Il regolamento dice che, in caso di uscite di pista con conseguente avvantaggiamento, bisogna restituire la posizione… Rossi ha frenato molto presto all’ingresso dell’ultima curva, fondamentalmente per cercare di prendermi alla sprovvista. Non mi aspettavo quella manovra, così sono finito nella ghiaia. È stato un mio errore. Penso ancora che avrei vinto la gara senza quella sbavatura“.

Rossi aveva un grande potere, sapeva usarlo e come creare problemi. Inoltre sapeva le cose che doveva dire alla stampa, dichiarazioni che mi avrebbero messo pressione. A Laguna Seca forse ha sbagliato. Dopo quella gara non siamo più stati solamente avversari. Non direi nemici, ma sicuramente è nata una rivalità ancora più dura”, ha concluso Stoner.