Shiffrin show! Suo lo slalom di Schladming: night race deludente per le azzurre

Mikaela Shiffrin vince lo slalom di Schladming: gara amare per le italiane

SportFair

Una night race da brividi quella andata in scena nello slalom femminile di Coppa del mondo in programma a Schladming, in Austria. Mikaela Shiffrin ha messo in scena una manche da vera fuoriclasse, prendendosi la vittoria numero 47 nella disciplina con il tempo di 1’32”66. Alle sue spalle la rivale Petra Vhlova, che nonostante il secondo posto a 15 centesimi, può festeggiare la conquista della sua seconda coppa di cristallo in carriera. Un duello appassionante quello tra le due sciatrici in questa stagione tra i rapid gates, in cui la slovacca ha primeggiato meritatamente portandosi a casa ben quattro dei primi sei slalom stagionali. Terzo posto, con 93 centesimi di distacco, per la tedesca Lena Duerr ed ex aequo in quarta posizione tra la svizzera Camille Rast e l’austriaca Chiara Mair.

In casa Italia una sola atleta era riuscita ad accedere alla seconda manche: si tratta di Anita Gulli, che con il 23esimo posto conquista il suo miglior risultato in carriera sul massimo circuito. La 23enne piemontese, appartenente al Centro Sportivo Esercito, nonostante il pettorale numero 53, si era esaltata sul tracciato della prima run, disegnato dal tecnico delle azzurre Devid Salvadori, controllando poi sapientemente nella seconda. La torinese ha terminato a 2”98 dalla leader americana. Avevano mancato il passaggio alla seconda manche Lara Della Mea, a soli 6 centesimi dall’ultimo posto utile, Sophie Mathiou e Vera Tschurtschentaler, oltre a Marta Rossetti, che aveva inforcato nella prima manche.

Vhlova, che come già detto si assicura la vittoria nella classifica di disciplina con il punteggio di 660 punti, seguita da Shiffrin a 440 e Holdener a 321. Nella generale Shiffrin saldamente al comando con 966 punti, seguita da Vhlova a 911 e la nostra Sofia Goggia a 657.

Prossimo appuntamento con le specialiste delle porte snodate di Coppa del mondo l’11-12 marzo ad Are, in Svezia.