Gli africani e le morti in mare nel discorso di Infantino per promuovere i Mondiali ogni due anni: è bufera! Le reazioni e la precisazione

Il presidente della Fifa Infantino parla della possibilità di disputare il Mondiale ogni due anni e scatena le reazioni

SportFair

Il Mondiale di calcio è un evento molto atteso in tutto il mondo, si avvicina sempre di più l’appuntamento del Qatar 2022. Un motivo di grande discussione è stato quello della possibilità di disputare il Mondiale ogni due anni, quella che inizialmente sembrava solo una provocazione con il tempo ha trovato maggiore riscontro. Ovviamente dovranno essere effettuate tutte le valutazioni del caso, sono tantissimi i pro ma non sono da trascurare i contro. Sull’argomento ha deciso di intervenire anche il presidente della Fifa Infantino, scatenando tante discussioni. “Vediamo che il calcio si sviluppa in una direzione in cui alcuni hanno tutto e la maggioranza non ha niente. In Europa i Mondiali si svolgono due volte a settimana perché i migliori giocatori del mondo giocano in Europa. Dobbiamo includere il mondo intero”, con riferimento particolare all’Africa. “Dobbiamo dare agli africani la speranza che non debbano attraversare il Mediterraneo per poter forse avere una vita migliore, ma più probabilmente la morte in mare” ha detto. “Dobbiamo dare loro opportunità e dignità”.

Le reazioni e la precisazione

Gianni Infantino
Foto di Miguel Gutierrez
/ Ansa

Le dichiarazioni di Infantino hanno portato tantissime reazioni, da personaggi legati al mondo del calcio ma anche dal mondo social. “Infantino maschera il discorso economico con un’affermazione sull’utilità del mondiale ogni due anni parlando dei migranti. Occasione persa per tacere”, “per fortuna che a risolvere i problemi della guerra e della fame nel mondo c’è Infantino”, “secondo Gianni Infantino un modo per risolvere il grave problema delle migrazioni attraverso il Mediterraneo è fare il Mondiale ogni 2 anni invece che ogni 4”.

Le critiche sono arrivate direttamente a Gianni Infantino che ha deciso di rispondere con un messaggio su Twitter, spiegando che alcune osservazioni sono state male interpretate. “Il messaggio più generale era che ognuno, in una posizione decisionale, ha la responsabilità di aiutare a migliorare la situazione delle persone nel mondo. Era un commento generale, che non era direttamente correlato alla possibilità di giocare un Mondiale ogni due anni”. Le dichiarazioni di Infantino sono state probabilmente fraintese, come spiegato bene dal presidente della Fifa il riferimento era semplicemente ad un aspetto generale del mondo che non deve necessariamente essere collegato al calcio.